Federazione Coldiretti Ravenna

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

IL MANIFESTO DELLE GIOVANI IMPRESE COLDIRETTI
COSTRUIAMO UN PAESE CHE: 
 
1. Riconosca i giovani come naturale priorità e risorsa strategica per la crescita economica e occupazionale dell’Italia, misurando sui giovani tutte le politiche, finalizzate allo sviluppo e al dinamismo imprenditoriale, a partire da quelle agricole, a vantaggio tanto dei giovani quanto degli adulti
2. Valorizzi il progetto di Coldiretti per la costruzione di una Filiera Agricola Tutta Italiana, come piena espressione del protagonismo dei giovani quale via italiana per lo sviluppo del Paese
3. Sostenga il modello di sviluppo delle giovani imprese attraverso la costruzione di una vera politica integrata per l’imprenditorialità
4. Investa in intelligenti attività di accompagnamento alla progettazione, adeguati meccanismi di assistenza allo start up, filiere corte di accesso al credito gestite dai Confidi
5. Promuova strumenti per ridurre tempi e costi per l’avvio e per l’esercizio dell’attività di impresa, anche attraverso un maggior ricorso a sistemi di autocertificazione, l’attuazione degli istituti previsti dalla normativa vigente quali esempi di sussidiarietà (Agenzia per le imprese), nonché superando le disomogeneità normative esistenti a livello territoriale 
6. Favorisca i processi di autentica internazionalizzazione delle giovani imprese agricole impegnate nella produzione del vero made in Italy favorendo le dinamiche di rete interimprenditoriali e intersettoriali.
7. Persegua un sistema istituzionale della ricerca che sappia anticipare i fabbisogni espliciti e latenti di innovazione, trasferirne le risposte direttamente all’impresa, premiare la propensione e la capacità innovativa dei giovani imprenditori nei prodotti, nei processi, nei servizi al territorio, esaltando cultura, tradizione, ambiente e peculiarità del vero made in Italy
8. Diffonda una formazione tecnica professionale e universitaria che superi il modello italiano “studio, poi lavoro” attraverso la partecipazione delle imprese alla costruzione dei processi formativi garantendo un effettivo equilibrio tra domanda e offerta formativa professionale e terziaria.
9. Rafforzi gli strumenti per l’accesso e la mobilità della terra rimuovendo vecchie e nuove forme di rendita, preservando lo straordinario patrimonio ambientale e fondiario dell’agricoltura italiana a garanzia di uno sviluppo sostenibile e delle generazioni future
10. Accresca il peso dei giovani in tutti gli ambiti civili, politici ed economici della società nazionale, a partire tra l’altro dalle normative che regolano l’età dell’elettorato attivo e passivo.