Federazione Coldiretti Ravenna

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

07/04/2009 - N.

GIOVANI COLDIRETTI: CONFERMATO FRANCO ZINI

 

Ieri, presso la sede di Russi, l’Assemblea Provinciale dei Giovani Imprenditori di Coldiretti, alla presenza del Presidente Massimiliano Pederzoli, del Direttore Antonio Sangiorgi, dell’Assessore Provinciale Libero Asioli, ha provveduto alla elezione del Consiglio Provinciale e del delegato.
I Giovani imprenditori agricoli, della Coldiretti under 30, hanno scelto come loro rappresentante, Franco Zini, 26 anni,  di Bagnacavallo, viticoltore già da tempo impegnato nella valorizzazione dei prodotti territoriali di qualità e più nello specifico all’interno del Consorzio di Bagnacavallo. Per Zini si tratta di una riconferma al vertice, in quanto già guidava i giovani da circa due anni.
“Al termine delle votazioni – Franco Zini, in un breve discorso rivolto ai giovani, ha detto – sono un po’ emozionato ma orgoglioso di rappresentare un gruppo di oltre 300 giovani che in questa Provincia hanno “scommesso” il loro futuro in agricoltura dimostrando concretamente che il mestiere dell’agricoltore non è un’attività passata di moda bensì una sfida interessante per  il futuro, specie in tempi di crisi economica grave come quella che stiamo attraversando”.
Le aziende agricole condotte da giovani sotto i 30 anni nella Provincia di Ravenna ammontano a poco più di 1.000 unità su un totale di circa 11.000 unità. Con dimensioni unitarie superiori alla media esistente in Provincia.
“Sono convinto – ha continuato Franco Zini – che esista uno spazio reale per i giovani in agricoltura, specialmente nei nostri territori, dove le condizioni per fare impresa in modo dinamico e moderno esistono ancora. Chiaramente, dovremo farci trovare preparati e capaci di gestire il “cambiamento” che l’economia e la volatilità di alcuni mercati ci impongono”.
“In altre parole – concludendo il suo intervento, Zini – si è detto fiducioso che nei prossimi anni, per i giovani che faranno la scelta di spendersi professionalmente in agricoltura, possano esserci accanto a tanto impegno e duro lavoro anche interessanti opportunità”.